Dai Barchi alla scoperta dei sentieri della Valmalenco

Per chi ama il trekking o le passeggiate FACILI

Le passeggiate più brevi (20/25 minuti):
28/06/2021

Prati Pedrana 1.520m > Braciascia 1.600m > Osservatorio

  • Dislivello 80m
  • Distanza: 1km
  • Tempo di percorrenza: 0.20 h
Dal parcheggio a Prati Pedrana si può risalire alcuni tornanti procedendo lungo il sentiero che porta al lago Palù, al primo bivio che si incontra si tiene la sinistra e salendo ancora di poco ci si ritrova in zona Bracciascia. Un area verde e pianeggiante, ideale per una tranquilla passeggiata. Da qui si può raggiungere anche l’Osservatorio della Valmalenco, due palloni bianchi che si vedono in lontananza. Dotato della più moderna strumentazione l’Osservatorio offre la possibilità di visite guidate e di piacevoli e interessanti serate alla scoperta della volta celeste, che permettono attività di tipo didattico, turistico e scientifico.
_____________________
Barchi 1.700m > Paluetto 1.620m
  • Dislivello 80m
  • Distanza: 1km
  • Tempo di percorrenza: 0.35 h
_____________________
Barchi 1.700m > Barchetto 1.800m
  • Dislivello 100m
  • Distanza: 1.2km
  • Tempo di percorrenza: 0.30 h
​​​​​_____________________
Barchi 1.700m > Zocca 1.846m
  • Dislivello 146m
  • Distanza: 1.5 km
  • Tempo di percorrenza: 0.40 h
Per chi ha voglia di cimentarsi in una passeggiata immerso nella natura ma senza troppo faticare, intorno alle Baite ai Barchi ci sono dei comodi percorsi, di circa 20/40 minuti massimo che portano a dei maggesi: Ampia spianata dei prati del Paluetto (palüèt, m. 1622). I prati sono attraversati dalle pigre acque del torrente Bracciasco e sono raggiunti da una pista sterrata a destra. Immerso in una spendita pineta, il sentierino, superato un ruscello su un ponticello in legno, volge a sinistra (direzione nord), salendo in uno scenario fiabesco, raggiungendo il limite basso dei prati del Barchetto (m. 1800, barchèt, ma anche 'l barch), annunciati da un cartello che ci invita a tenere i cani al guinzaglio. Si tratta di un maggese, o “curada”, circondato da un muro a secco di cinta. Qui troviamo anche un cartello dell'Itinerario Botanico e nuovi cartelli escursionistici: seguendo la direzione per la Zocca (10 minuti) prendiamo a sinistra e ci portiamo alle baite alte del maggese.Lasciamo alle spalle una fresca fontanella e riprendiamo a salire su un sentiero (direzione est, poi sud-est), fino al vicino maggese della Zocca (zòca, m. 1844). 
> Scopri tutti i sentieri percorribili da San Giuseppe, Barchi e Palù